.
Annunci online

 
simonespiga 
militanza, comunità, volontariato, ambiente...
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Associazionismo - Volontariato - Notizie*****
Fare Verde
Fare Verde Cagliari
Unione Generale del Lavoro
Zeta Zero Alfa
NoReporter
Massimiliano Bonu
Fondazione Julius Evola
Alain De Benoist
Polaris
Novopress
Comunità Popoli
No al Calcio Moderno
I miei Amici Blogger *****
nonsolorossi
Michele Pisano Blog
Enzo Cumpostu
MaraLai
Ceciliaraba
Steppenwolf
Alessandro Serra Blog


LINK DELLA DESTRA SOCIALE
Gianni Alemanno
Destra Sociale
Roberta Angelilli
Area - la rivista
Area - Ass. Cult.
Fondazione Nuova Italia
Identitario
Sardegna Non Conforme
Settembre Nero
Terra di Mezzo - Crotone
Luigi Curci
Militanti Per la Vita
Le Cose da Dire
Frodo Baggins - Un Hobbit Controcorrente
Gianmario non conforme
Oronzo Cilli
Area Sabaudia
Antonio Pasquini
Luca Caremi
Destra Sociale Sabaudia
Carlo Fidanza
Francesco Sallustio Taranto
AltraDestra
Fedalmor
Gianmichele Nonne - Consigliere Comunale An Dorgali (NU)
  cerca

  


  ISCRIVETEVI ALLA
  Newsletter.it - Arretrati




















 

Diario | URLIAMOLO !!! | Appuntamenti | Con simpatia... | Quelli che il Blog... | Parcheggio Via Manzoni | Elezioni Sardegna 2005 | Abolire il 25 Aprile? | Solidarietà al Foro | Referendum 12/13 Giugno | Autodeterminazione dei popoli | Comitato per la scelta del Sindaco di Cagliari | Coordinamento Nazionale MUTUO SOCIALE | Strage di Bologna, vogliamo la verità! | Ascolta la nostra musica | Circoscrizione N°4 | Precariato ...ora basta! | Ultras...discutiamone | Giù le mani dalla Colonia Dux | TITTI LIBERO | Allarme sbarchi in Sardegna | Partito Unico, discutiamone... | No al termovalorizzatore di Ottana (NU) | No al signoraggio ! | Elezioni Politiche 2008 - 13 14 Aprile 2008 | No al Ponte sullo Stretto | Comunali ad Assemini - 15/16 Giugno 2008 | Sardegna - Elezioni Regionali 15/16 Febbraio 2009 | No al Nucleare! | Referendum Regione Sardegna - 5 Ottobre 2008 | Elezioni Europee 6/7 Giugno 2009 | No ai sequestri di persona | Elezioni Regionali 2010 | Elezioni Provinciali in Sardegna - 30/31 Maggio 2010 | Referendum Regionale contro il nucleare in Sardegna | Elezioni Comunali di Cagliari - 15/16 Maggio 2011 | Referendum contro il porcellum | Comitato Sardo Acque Sociali | No al Galsi | Referendum per la Sardegna - 6 Maggio 2012 | No Tav | Referendum per ridurre le indennità dei Parlamentari | Paola Musu Presidente del Consiglio - Elezioni Politiche 24 /25 Febbraio 2013 |
 
Diario
1visite.

25 gennaio 2012

Spiga (An - Fli): Partita la mobilitazione regionale contro la Giunta Cappellacci



"Questa notte è partita la grande mobilitazione Regionale di Arcipelago Nazionale, Associazione aderente a Futuro e LIbertà contro la Giunta Regionale di Ugo Cappellacci con l'affissione dei mianifesti in cui si chiede le dimissioni del Governatore", afferma Simone Spiga, Coordinatore Regionale di Arcipelago Nazionale.
"Le località coinvolte dalla prima affissione sono state, oltre a Cagliari e Sassari, anche Quartu Sant'Elena, Quartucciu, Selargius, Monserrato e Assemini, da domani si svolgeranno volantinaggi e a breve partirà una raccolta di firme tra i simpatizzanti e gli iscritti di Futuro e LIbertà per chiedere al partito di uscire dalla maggioranza di Ugo Cappellacci"..."tenendo presente che le motivazioni che portano i due Consiglieri Regionali di Fli a sostenere la maggioranza non si ritiene siano valide per stare dentro una maggioranza incapace di dare risposte ai sardi", incalza Spiga.
"In tanti dentro Fli ci chiediamo perchè Fini, eletto con il Pdl abbia fatto una scelta coraggiosissima uscendo dalla maggioranza e la stessa scelta non la possano fare i due Consiglieri Regionali che tra le altre cose erano all'opposizione fino a due mesi fa", denuncia Spiga.
"Senza dimenticare che lo scorso 3 Gennaio  è giunta la richiesta di rinvio a giudizio per abuso d'ufficio nella vicenda P3, con l'ipotesi di aver nominato una persona all'ARPAS su indicazione di Denis Verdini e Marcello Dell'Utri e che tale nomina, per i Pm, sarebbe avvenuta: "in assenza di predeterminazione dei criteri oggettivi da seguirsi nella procedura, senza alcuna valutazione di merito comparativo e senza riguardo agli obiettivi della piena efficienza e del buon andamento della pubblica amministrazione, ma sulla base di un provvedimento arbitrario", Afferma ancora Spiga.
"Arcipelago Nazionale si pone all'interno di Fli come anima critica ed è pronta ad azioni politiche di vario livello per rivendicare la propria posizione politica dentro e fuori da Futuro e Libertà, nel solo interesse di far crescere un Partito che oggi rischia di non essere capito dalla sua base elettorale", conclude Spiga.

21 gennaio 2012

Spiga (An - Fli) : Arcipelago Nazionale aderente a Fli, ribadisce la richiesta di dimissioni di Cappellacci


In relazione ad un comunicato apparso a nome di un fantomatico Coordinamento Regionale di Fli,  organo mai isitutito successivamente al Congresso Regionale svolto lo scorso 3 Dicembre 2011, il Coordinamento Regionale di Arcipelago Nazionale, movimento aderente  a Futuro e Libertà, ribadisce la propria presa di posizione espressa lo scorso 3 Dicembre, ponendosi come minoranza interna nel Partito in Sardegna e ribadisce la propria posizione politica in merito alla disastrosa gestione politica della Giunta Cappellacci.
"Arcipelago Nazionale, nata in Sardegna nel mese di Dicembre si pone come minoranza politica interna e pone all'attenzione della base elettorale di Fli la necessità di aprire un dibatito sulla permanenza nella maggioranza di Ugo Cappellacci", afferma Simone Spiga, Coordinatore Regionale di Arcipelago Nazionale.
"La nostra struttura appena nata, fonda le basi su un progetto identitario, ambientalista e sociale di Futuro e Libertà e proprio in questi giorni sta strutturando la propria organizzazione in tutte le provincie della Sardegna"..." Pertanto ribadiamo la nostra netta opposizione alla Giunta Cappellacci ad accordi sottobanco con il Pdl per sostenere politiche distanti dal Manifesto per l'Italia di Gianfranco Fini", conclude Spiga.

21 gennaio 2012

Spiga (An - Fli) : Elezioni Subito in Sardegna


Nei giorni scorsi il sondaggio pubblicato dal Sole 24 Ore evidenziava il crollo del consenso di Ugo Cappellacci, risultando l'ultimo tra i Governatori delle Regioni e qualche giorno prima la Procura di Roma aveva chiesto il rinvio a giudizio per l'inchista sull'eolico che coinvolge Dell'Utri e Verdini, tra le altre cose al Governatore della Sardegna viene contestata la nomina alla carica di direttore generale dell'Arpa Sardegna di Ignazio Farris.  Secondo i Pm la nomina sarebbe avvenuta "in assenza di predeterminazione dei criteri oggettivi da seguirsi nella procedura, senza alcuna valutazione di merito comparativo e senza riguardo agli obiettivi della piena efficienza e del buon andamento della pubblica amministrazione, ma sulla base di un provvedimento arbitrario".
Ieri dentro la sua stessa maggioranza si sono sollevate critiche e la prossima settimana il Consiglio Regionale discuterà dell'esercizio provvisorio perchè non c'è ancora alcuna certezza sulla presentazione della Manovra Finanziara.
L'Alcoa ha annunciato la chiusura di Portovesme e il Ministro Passera non si presenta all'incontro, le O.O.S.S. proclamano sciopero e le Partite Iva sono pronte alla mobilitazione, ma la Giunta Regionale è totalmente assente dalle decisioni che riguardano i sardi.
"La situazione è drammatica e il fatto che il Consiglio Regionale discuta sull'esercizio provvisorio dimostra che è falllimentare la politica di questo pseudo centro destra, la Sardegna ha bisogno di sceltre coraggiose, di idee chiare e di collaborazione tra le categorie sociali, ma questa Giunta è incapace davanti alla drammatica situazione", afferma Simone Spiga, Coordinatore Regionale di Arcipelago Nazionale, movimento aderente a Futuro e Libertà.
"Il 31 gennaio l’assemblea regionale dei quadri e delegati dei settori produttivi di Cgil, Cisl e Uil si ritroveranno  a Nuoro, poi una fiaccolata contro emarginazionazione e la povertà il 10 febbraio a Cagliari, sono queste le prime iniziative delle Organizzazioni Sindacali per chiedere un totale cambio di rotta, ma questo non basterà se non ci sarà nella testa dei Consiglieri Regionali la convinzione che le elezioni anticipate sono l'unica strada per risollevare la Sardegna", denuncia Spiga.
"Arcipelago Nazionale aderirà alla fiaccolata del 10 Febbraio presentata nei giorni scorsi dai Segretari Generali Enzo Costa, Mario Medde e Francesca Ticca ed esorta  il Gruppo Consiliare di Futuro e Libertà in Consiglio Regionale ad uscire immediatamente dalla maggioranza che non rappresenta in alcun modo il volere dei sardi e di aprire urgentemente un tavolo con tutte le forze politiche autonomiste, oltre al Terzo Polo per sfiduciare Cappellacci e costruire un grande progetto identitario per il futuro della Sardegna", conclude Simone Spiga.

18 gennaio 2012

Spiga (An Fli): 19 Gennaio noi ricordiamo il compleanno di Paolo Borsellino

"Domani 19 Gennaio ricorre il compleanno di Paolo Borsellino e i Circoli Arcipelago Nazionale di Futuro e LIbertà intendono ricordare questa data per proseguire la riflessione sulla figura di Paolo Borsellino", afferma Simone Spiga, Coordinatore Regionale di Arcipelago Nazionale, movimento aderente a Fli.
"Futuro e LIbertà vuole ricordare in tutta Italia la figura di Paolo Borsellino e domani anche Cagliari sarà coinvolta in questa mobilitazione, per questo abbiamo programmato due volantinaggi nella mattina e nel pomeriggio di domani perchè la figura di Borsellino e degli agenti uccisi, soprattutto in un momento in cui, troppo spesso si creano eroi a misura di processo e mai rappresentativi della Comunità Nazionale, non possiamo dimenticare che per qualcuno Mangano è stato un eroe,mentre per tutti noi, Borsellino, Falcone e tanti altri sono gli esempi di eroismo”, conclude la nota di Spiga.

9 gennaio 2012

TESSERE FALSE NEL PDL, FLI IN SARDEGNA SI MOBILITA



E' di questi giorni la polemica sullo  scandalo delle tessere false emerso nel Pdl, questa mattina il Coordinamento Regionale di Arcipelago Nazionale aderente a Futuro e libertà ha lanciato la campagna provocatoria per chiedere a tutti i sardi di verificare, attraverso la Segreteria Nazionale del Pdl, se sian o stati tesserati senza alcuna autorizzazione.
"Invitiamo i sardi a verificare attraverso una telefonata  al numero 06/6731276 o inviando una email all'indirizzo adesioni@ilpopolodellaliberta.it per sapere se sono stati iscritti al Pdl senza essere informati, la polemica nasce dopo che da più parti d'Italia sono stati riscontrati casi di iscrizioni gonfiate", afferma Simone Spiga, Responsabile Regionale di Arcipelago Nazionale.
"Dai primi riscontri risulta che siano stati iscritti anche i morti e ci sono vicende che meritano riflessione, come il caso di  Vicenza, dove la Procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta, ma numerosi casi riguardano dirigenti della Lega dell'Udc e proprio di Fli", incalza Spiga.
"Inoltre il Secolo XIX ha raccontato la vicenda del consigliere comunale del Pd Reginaldo Vignola, finito con sorpresa tra gli oltre 2.700 tesserati pidiellini della provincia, pertanto chiediamo a tutti i sardi di verificare la situazione e nel caso presentrare denuncia perchè fatti di questo tipo sono eticamente e moralmente inaccettabili"..."Arcipelago Nazionale, nel frattempo, verificherò i singoli casi e valuterà le future azioni da tenere nei riguardi di questa vicenda, nel caso in cui si dovessero riscontrare anomalie", dichiara Spiga
"inoltre Arcipelago Nazionale lancia un appello al Presidente Cappellacci per sapere se è confermato che abbia provveduto a restituire la tessera del Pdl o se per caso anche lui non sia stato iscritto a sua insaputa", conclude polemicamente Simone Spiga.

11 dicembre 2011

Lettera aperta agli iscritti di Fli in Sardegna

Non più di una settimana fa si è svolto a Cagliari il congresso Regionale di Futuro e LIbertà ed è stata l'occasione per approfondire importanti argomenti relativi al futuro posizionamento di Fli rispetto alla Giunta Cappellacci e rispetto alle prossime Amministrative e Politiche. Alla presenza di Fabio Granata, punto di riferimento per le anime più intransigenti nel percorso di superamento del berlusconismo, si è sviscerato il ruolo che Fli dovrà avere da oggi in Consiglio Regionale rispetto alla maggioranza di Centro Destra. Lo dico subito, sono stato l'unico, anche se nella platea in tanti hanno condiviso la linea, ha esprimersi nettamente contro l'ipotesi di aprire un dialogo con il berluscones Ugo Cappellacci e con la sua maggioranza. Se a livello nazionale, la lin aFli è chiara ed è nettamente alternativa a questo Centro Destra e al Pdl, in Sardegna si sta scegliendo una strada opposta, non condivisibile e che rischia di portarci verso l'asservimento...
Ma dato che ritenevo che per il bene del Movimento, non si dovessero favorire lacerazioni e contrapposizioni, ho votato per la riconferma di Ignazio Artizzu a Coordinatore Regionale di Fli, sicuro che saprà rappresentare anche le anime più critiche come la mia.
La Giunta Cappellacci certo non brilla di operosità, al punto che anche dentro il Pdl si levano forti critiche e molti malumori, per queste ragioni, ma anche perchè sbandierare il tema della legalità e dell'etica nella politica poi deve essere sempre applicato nelle battaglie quotidiane, pertanto dentro Fli, sarò l'amica critica, perchè un Movimento in crescita come Fli non può avere al suo interno l'unanimismo che ha distrutto e sta distruggento altri Partiti.
L'inizio del percorso in sostegno alla Giunta Cappellacci non è stato dei migliori, se pensiamo che la Legge proposta da Fli in materia di Golf è stata impugnata dal Governo per anticostituzionalità, ma questo può servire da sprono per provare ad essere pià produttivi e cercare di rappresentare l'anima critica dentro il Consiglio Regionale. 
Ci si trova davanti ad importanti provvedimenti e prese di posizione fondamentali ci aspettano, fra tutte la Legge sul PPR  e una netta presa di posizione sulla Galsi. Io spero che Fli sappia dire ciò che nessuno dice, sappia interpretare Etica, Legalità e Tutela del Paesaggio...

27 luglio 2011

Il Futurista si trasforma nel Censurista

Vi vorrei raccontare una piccola storiella che riguarda Fli in Sardegna e che di colpo è ricaduta sulla cultura censoria del Settimanale Il Futurista...

Il tutto inizia il 23 Luglio 2011, quando a Cagliari si è svolto il Congresso Provinciale di Futuro e Libertà, un occasione più unica che rara per rilanciare il Partito su tutto il territorio, al fine di dare gambe alle idee dei futuristi, ma che invece si è tramutato in una riunione di amici, perchè una parte degli iscritti del Partito non è stata invitata a tale avvenimento. Una situazione Kafkiana, due componenti dell'Assemblea Nazionale di Fli, l'unico Assessore di un Comune della Provincia di Cagliari e uno dei due Consiglieri Comunali dell'intera provincia vengono a sapere del Congresso attraverso una evento su facebook... Ma in tanti ci ritroviamo, discutiamo e arriviamo alla conclusione che il Partito, anche se le cose non sono per nulla chiare, deve essere unito, compatto, monolitico. La stessa analisi che Fabio Granata chiede a tutto il Partito e arriviamo al Congresso con una mozione di minoranza e alcuni Ordini del Giorno. La discussione avviene sulla base del Documento presentato da Gianluca Grosso, componente dell'Assemblea Nazionale di Fli e primo firmatario del Documento sottoscritto da oltre il 35% degli iscritti presenti in sala. La discussione si incentra solo sul Documento, anche perchè, se vogliamo dirla tutta, la Mozione congressuale non era un granchè e non aveva alcun argomento politico. Alla fine vengono votati all'unanimità tutti gli Ordini del Giorno che ho presentato e viene votato da una parte dei presenti Vittorino Erriu, Presidente Provinciale di Fli.

Considerato che erano assenti tutti gli organi di stampa, mi sono premurosamente occupato di fare un pezzo ed inviarlo alla stampa, tra cui Il Futurista che pubblica il pezzo e lo rilancia nel sito... stranamente, passati due giorni, l'articolo non si trova più nel sito e così Il Futurista si trasforma nel Censurista!

24 luglio 2011

Si è svolto anche a Cagliari il Congresso Provinciale di Futuro e Libertà

 

Siè svolto anche a Cagliari il Congresso Provinciale di Futuro e Libertà

 

Nellacornice di un pubblico numeroso in un bell’albergo cagliaritano, alla presenza dell’On. Fabio Granata, si è svolto ieri sera il Congresso Provinciale di Fli, un’occasione per discutere e confrontarsi su visioni del “modello Partito” e sull’approccio nei confronti di temi importanti come legalità ed etica pubblica, tutela dell’ambiente, difesa dei cittadini e diritti civili, tutti temi che sono stati parte determinante nel dibattito congressuale.

Infatti, oltre al documento congressuale per l’elezione di Vittorino Erriu a Presidente Provinciale, una importante anima, evocativamente denominata “Area Futurista”, composta da diversi circoli di tutta la provincia, ha posto alcune questioni organizzative e politiche sulla gestione attuale di Fli e sulla necessità di migliorarsi per condividere un percorso che da oggi ci deve vedere uniti e compatti.

Area Futurista non è una corrente, non sarà l’opposizione a nessuno, ha affermato Gianluca Grosso, uno dei tre componenti dell’Assemblea Nazionale di Fli,promotore del documento, sarà uno stimolo per lavorare tutti insieme e infatti gli argomenti posti all’attenzione della platea da parte di questa anima sono stati gli argomenti che hanno contraddistinto tutta la fase del dibattito congressuale.

“Superatala fase di emergenza iniziale, crediamo non sia più rinviabile un’assunzione corale di responsabilità che parta dai vertici locali e che lanci finalmente la presenza di Fli nel territorio, tutto attraverso una maggiore rappresentatività del Partito per tutte le realtà esistenti, dei movimenti, comitati e realtà associative, ma anche attraverso un forum telematico a disposizione dei cittadini sui nominativi dei dirigenti, coordinatori dei circoli ed eletti”, si legge nel documento.

“il bilancio regionale e provinciale del Partito consultabile per gli iscritti, la creazione di un ufficio stampa del Partito e per finire l’adozione del Codice Etico per iscritti e rappresentanti istituzionali, sul divieto di cumuli di cariche”, questi sono stati gli altri punti posti all’attenzione del Congresso.“A seguire abbiamo voluto presentare alcuni ordini del Giorno per designare un percorso politico condiviso”, afferma Simone Spiga, Dirigente Regionale del Partito. “A partire dalla richiesta di costituzione dei Dipartimenti Tematici nella Giunta Provinciale del Partito, con la proposta di creazione delle aree  Propaganda, Enti Locali, Tesseramento, Ufficio Elettorale, Pari Opportunità – Integrazione e Diritti Civili, Cultura e Legalità,Scuola e Università, Turismo e Politiche dello Sport”, prosegue Spiga.

“Abbiamo chiesto che il prossimo Coordinamento promuova, entro il mese di Ottobre, unconvegno sulla truffa del signoraggio bancario e che aderisca alla campagna referendaria contro il sistema elettorale denominato Porcellum, per la sottoscrizione del Codice Etico promosso dall’On. Angela Napoli, le primarie per la selezione dei candidati di Fli a tutti i livelli e per finire la proposta di promuovere azioni e iniziative per sostenere la creazione deiRegistri delle Coppie di Fatto in tutti i Comuni della Provincia di Cagliari”,conclude Spiga.

Tutti Ordini del Giorno approvati all’unanimità e che saranno il trampolino di lancioper Futuro e Libertà nella Provincia di Cagliari.

19 luglio 2011

Cagliari in piazza per Paolo Borsellino

E’partita questa notte anche inSardegna, come nel resto dell’Italia la mobilitazione promossa da GenerazioneFuturo, il movimento giovanile di Futuro e Libertà per la giornata dedicata alricordo di Paolo Borsellino, ucciso 19 anni fa dalla Mafia.

“Questa notte a Cagliari e nell’hinterlandsono stati affissi manifesti raffiguranti la foto di Paolo Borsellino, è statoil primo atto di una giornata di mobilitazione permanente promossa daGenerazione Futuro insieme a Futuro e Libertà”, affermano nella nota LuigiMaria Cosentino, componente dell’Assemblea Nazionale di Fli, Simone Spiga,Dirigente Regionale di Fli  e CarolaPiga, componente della Direzione Nazionale di Generazione Futuro.

“A 19 anni dalla Strage di Via D’Amelioa Palermo, prosegue la nostra mobilitazione per ricordare l’eroica figura diBorsellino e degli agenti uccisi, soprattutto in un momento in cui, troppospesso si creano eroi a misura di processo e mai rappresentativi della ComunitàNazionale, non possiamo dimenticare che per qualcuno Mangano è stato un eroe,mentre per tutti noi, Borsellino, Falcone e tanti altri sono gli esempi dieroismo”, prosegue la nota dei Dirigenti di Fli.

“Questa mattina si svolgerà unvolantinaggio itinerante e la stessa cosa sarà fatta in serata, mentre lagiornata si concluderà con la nostra adesione, senza simboli di partito, allamanifestazione promossa da Sardegna Virtuosa dalle 20.30 a Marina Piccola”…”lanostra adesione senza simboli è la testimonianza che non vogliamostrumentalizzazioni di alcun tipo sulla lotta alla mafia, ma ci auspichiamo chela legalità diventi un valore per tutti i partiti e movimenti”, concludonoSpiga, Cosentino e Piga.

13 luglio 2011

Mafia: Granata, Romano si dimetta


ROMA - ''Nella settimana che ci avvicina alla commemorazione del sacrificio di Paolo Borsellino e' intollerabile che il Governo abbia un ministro imputato di concorso esterno in associazione mafiosa''. Lo dichiara in una nota il vicepresidente della commissione antimafia, Fabio Granata. ''Fli chiede che il ministro si dimetta immediatamente. In caso di mancate dimissioni presentera' una mozione e chiedera' che si esprima il Parlamento.

13 luglio 2011

Referendum, apriamo il dialogo

Il relazione alla situazione venutasi a creare dopo la decisione del Prof. Passigli di sospendere la raccolta firme per il Referendum sul Sistema Elettorale, il Comitato “Sardegna contro il Porcellum” , riunitosi questa mattina a Cagliari, ritiene doveroso verifica le condizioni per trovare una sintesi sui diversi quesiti referendari presentati. 

Siamo certi dell’importanza di arrivare a sintesi, perché il Referendum, come stimolo dei cittadini nei confronti del Parlamento, non può essere abbandonato, ma anzi riteniamo sia un grande momento di apertura alla società civile, per questo il Comitato, nato proprio da una libera condivisione della necessità di abrogare il Porcellum, chiede di portare avanti una linea di continuità sull’impegno referendario, senza in alcun modo volersi porre in antitesi con le nuove prospettive politiche createsi con la presentazione ieri dei nuovi quesiti referendari.

Il Comitato condivide la necessità di allargare il più possibile e creare sinergie, dando il giusto spazio alla società civile che fino ad ora ha voluto condividere con noi questa importante avventura referendaria, pertanto invitiamo i promotori dei due Referendum a favorire questa sintesi che porti al raggiungimento degli obiettivi senza disperdere il lavoro portato avanti fino ad ora.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. referendum porcellum passigli pd idv fli sel

permalink | inviato da simonespiga il 13/7/2011 alle 9:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 luglio 2011

Basta con le etichette… Basta con l’arcaica Destra…

La conferma è giunta questa mattina, ma da mesi ormai si sentivala necessità di chiarire il ruolo di Urso e Ronchi dentro Fli, sempre incontrotendenza rispetto al vertice e alla base, sempre dalla parte di categoriepolitiche ottocentesche a difesa di dinamiche colluse con ambienti distantidallo spirito di Futuro e Libertà.

La loro uscita deve essere l’inizio di una nuova fase, quella incui dobbiamo essere liberi di non definirci più in nessun modo, NON ABBIAMOBISOGNO DI ETICHETTE, e non possiamo aver paura di guardare oltre la Destra, perchése negli anni’70 dentro il Msi alcuni aprivano a temi come l'ecologia, i diritti civili ele questioni sociali legato al mondo del lavoro, oggi questi temi devono diventareil PUNTO DI FORZA di questo progetto politico.

Destrutturiamo il termine Destra, destrutturiamo le collocazionipolitiche moderate e guardiamo oltre, apriamo nuove strade, c’è un oceanodavanti e non possiamo non attraversarlo …

E’ chiaro che l’uscita di Urso e di Ronchi non bastano, dobbiamochiarire la posizione di troppi ursiani convertiti che dirigono il Partito conmiopia e dobbiamo verificare la capacità di guardare oltre di chi ancora usa vecchie collocazionipolitiche morte e sepolte.

Mi sento laico legalitario, antimperialista, anticapitalista, terzomondista,socialista e identitario e non voglio piacere a tutti, nonvoglio scrivere per giornali d’area patinati, ma voglio poter esprimere unpensiero libero, perché il vero Futuro è la Libertà

 

Simone Spiga


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. simone spiga fli urso ronchi

permalink | inviato da simonespiga il 9/7/2011 alle 14:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 giugno 2011

Cgil Sinnai ed Ezra Pound... una polemica sterile e senza contenuti...

E' partita ieri una petizione promossa a Sinnai dalla Cgil in relazione alle parole pronunciate da Alessandro Orrù, Vice Sindaco della cittadina nella prima seduta del Consiglio Comunale, quando ha voluto citare la frase di Ezra Pound: “Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui”. Ne è stato all’altezza.”.

Intervengo volentieri sulla polemica perchè trovo pretestuoso l'approccio che la CGIL di Sinnai sta portanvo avanti in questa polemica, prima di tutto perchè si cerca di affiancare un'ottimo dirigente di Fli a Casa Pound e all'estremismo di Destra, dimenticando che la storia di Ezra Pound è la storia di uno dei principali poeti americani del novecento. Considerato tale, non da estremisti del neo Fascismo, ma da un grandissimo poeta dichiaratamente comuniste e omosessuale e cioè PierPaolo Pasolini che intervistò prioprio Ezra Pound, chiamandolo maestro. Era il 26 ottobre del 1967 a Venezia e i due grandi ”colossi” della poesia italiana e americana si incontrarono per la prima volta e non fu l'unica...

In quell'occasione il fotografo Gianfranco Contini capì subito che si trattava di un avvenimento “storico” e chiese alla direzione della Rai di filmare tutta l’incontro, che infatti fu poi trasmesso dalla Rai.

Quell'incontro fu un momento bellissimo del dialogo tra visioni del mondo e PierPaolo Pasolini, volle leggere le  poesie di Pound. Un incontro importantissimo che, per come convergono due ideologie solo apparentemente distanti: Pound era legato all’America dei pionieri, Pasolini al mito dell’Italia rurale e contadina.

Lasciamo perdere le polemiche sterili e proviamo a pensare insieme l'Italia del Futuro e della Libertà.

 

http://www.youtube.com/watch?v=0YJSG1C3sF8&feature=player_embedded


Simone

23 giugno 2011

Sabato Congresso Provinciale di Fli a Olbia

24 aprile 2011

Fabio GRANATA A CAGLIARI

17 aprile 2011

Bocchino a Cagliari

16 aprile 2011

Cagliari, presentate le liste Corsa a nove per il Municipio

E' scaduto a mezzogiorno il termine per la presentazione delle liste in vista delle elezioni comunali del 15 e 16 maggio. Sono 31 le liste presentate a sostegno di nove candidati a sindaco.

Nove candidati a sindaco, quattro donne e cinque uomini, si sfideranno alle prossime elezioni comunali in programma il 15 e 16 maggio prossimi a Cagliari. Allo scadere dei termini - oggi a mezzogiorno - sono state presentate 31 liste: undici appoggiano il candidato del centrodestra Massimo Fantola, otto lo sfidante del centrosinistra Massimo Zedda, tre il candidato di Fli in dissenso con il Pdl, Ignazio Artizzu, quattro l’ex dei Rosso Mori Claudia Zuncheddu e una ciascuna per gli altri aspiranti primi cittadini Michela Melotti (Partito comunista dei lavoratori), Manuela Corda (Cinque Stelle), Ornella Demuru (ProgRes), Gianmario Muggiri (Msi) e Patrizia Serra (Onestà e progresso). La commissione elettorale è al lavoro per verificare (entro domenica sera) eventuali irregolarità nelle liste.

LE LISTE - Ad aprire la lista del Pdl sarà il coordinatore provinciale Edoardo Usai , seguito a ruota dal presidente del Consiglio comunale Sandro Corsini . Al numero 3 l'assessore Giorgio Adamo , al 4 e al 5 i suoi colleghi di giunta Giuseppe Farris e Anselmo Piras . A seguire, in rigoroso ordine alfabetico, i consiglieri comunali uscenti di Forza Italia e An ( Francesco Fiori , Salvatore Floris , Franco Masia , Maria Rita Petrini , Maurizio Porcelli , Stefano Schirru , Alessandro Serra ed Edoardo Tocco ) e le novità. Tra loro sette donne e anche qualche nome conosciuto, come quelli di Pierandrea Lippi Serra e Tonio Melis (che è candidato come presidente della Municipalità di Pirri). In pista anche i Riformatori (confermate tutte le indiscrezioni delle vigilia), mentre nel Patto per Cagliari (la civica di Fantola) non c'è traccia dei promotori Antonello Gregorini e Franco Fozzi .

Nella lista di Sel c'è una sorpresa: Marisa Depau , consigliere uscente del Pd, ha accettato l'offerta del partito di Massimo Zedda, con il quale è candidato anche Giorgio Cugusi , oltre alla giornalista Francesca Fradelloni e alla dipendente regionale Francesca Ghirra .

Con Emanuela Corda (candidata a sindaco per il movimento di Beppe Grillo) c'è anche l'ex calciatore del Cagliari Gianni Roccotelli . Tra le fila della Federazione della sinistra c'è l'ex deputato Elias Vacca , oltre al candidato più giovane: Francesco Farci , 18 anni compiuti a gennaio.

Irs, Sardigna Natzione e Malu Entu hanno presentato una formazione con 40 nomi, provenienti da tutta la Sardegna.

Tra i sostenitori di Claudia Zuncheddu (che ha una sua civica) anche Gavino Sale . Completa anche la lista di Centro giovani (già anticipata nei giorni scorsi) e quella dell'Udc, con i nomi già noti più quello del costruttore Franco Cardia , presidente del neo-promosso Progetto Sant'Elia. Confermate le anticipazioni dei giorni scorsi sull'Idv, mentre con Filippo Petrucci (capolista di Meglio di prima non ci basta) ci saranno altri 29 candidati. Quaranta nomi per Ignazio Artizzu (Fli) e Movimento civico sardo. Con i futuristi anche l'ambientalista Simone Spiga .

15 aprile 2011

Spiga (Fli): Smontate subito la legnaia all'Anfiteatro

 

Nelle pagine di uno dei principali quotidiani cagliaritani è apparsa oggi un intervista dell’Ex Soprintendente del Teatro Lirico di Cagliari, Mauro Meli in merito alla situazione dell’Anfiteatro di Cagliari.
“Nell’intervista Meli afferma che sarebbe un errore smontare la legnaia dall’Anfiteatro, lui stesso fu uno dei promotori di questo scempio insieme all’allora Sindaco di Cagliari, Mariano Delogu”, afferma Simone Spiga, Dirigente Regionale di Futuro e Libertà.
“Partiamo dal fatto che fu un grave errore costruire quella struttura in legno ed è anche vero che Cagliari ha necessità di uno spazio attrezzato per i grandi eventi musicali”…”Pertanto sarebbe opportuno smontare la legnaia, mettere l’Università di Cagliari in condizione di verificare lo stato dello splendido Anfiteatro e smetterla di strumentalizzare politicamente il futuro dello spazio”, incalza Spiga.
“Sentir parlare Meli di Anfiteatro, quando dovrebbe ancora raccontarci come portò il Teatro Lirico ad un debito di oltre 23 milioni di Euro, ci sembra ridicolo, non vorremmo che ci fosse una strategia di riportarlo a Cagliari come Soprintendente”…”tutti sappiamo dei contratti gonfiati, dei cachet pagati doppi, per non parlare delle modalità che portarono all’elezione di Meli alla Sovrintendenza, con un grave vizio di forma e poi come dimenticare una nota ufficiale del Ministero della Attività Culturali che indicava la gestione Meli come troppo onerosa e con la realizzazione di alcune opere che non trovavano confronto nel panorama delle fondazioni liriche italiane e per finire rilievi sostanziali da parte della Corte dei Conti per i bilanci del 1999 e del 2000”, conclude Spiga.

8 aprile 2011

Lui debellerà la disoccupazione... ahahahahha

10 marzo 2011

Lettera aperta a Italo Bocchino: Referendum io vado a votare, perché non ci vai anche tu?

Questa mattina leggendo le pagine di uno dei principali quotidiani italiani, ho avuto modo di leggere la tua intervista e fra le tante questioni poste, marginalmente, si è affrontato il nodo dei Referendum in programma il prossimo 12 Giugno.

Diversi quesiti referendari che toccano anche la base elettorale e militante di Futuro e Libertà, al punto che numerosi simpatizzanti e dirigenti futuristi hanno già espresso pieno sostegno ai Si per il Referendum.

La posizione che hai enunciato nasce dalla realpolitik,  ma che spesso non è nelle corde della base del movimento, per questo, in tantissimi,  ti chiediamo e lo facciamo apertamente, che si dia libertà di espressione, scelta e condivisione sui quesiti referendari, perché sarebbe poco futurista un Partito che basa tutto sul ruolo dei parlamentari dimenticando la propria base.

Italo, sappiamo la tua buona fede, conosciamo la tua storia politica e siamo al tuo fianco per andare oltre l’antiberlusconismo, ma non riduciamo questi SI alla mera contrapposizione tra sostenitori di Berlusconi e oppositori, vogliamo invece che sia una battaglia di civiltà, una grande scommessa per una nuova Italia, libera da monopoli e da speculazioni che non hanno nulla di futurista.

 

 

Simone Spiga

Militante Futurista

sfoglia
dicembre        febbraio